Io, Costantino

P1050474

 

Costantino Bragalini
nato a Bologna il 28/11/1964

 

A 10 anni assisteva e aiutava il padre Angelo, scultore, durante i calchi in gesso delle sculture in argilla nello studio di via delle rose 2, dove ora crea i suoi mosaici.
Dopo gli studi al liceo Artistico e alla Accademia delle belle arti di Bologna, ha intrapreso la strada del restauro edile, palazzi, chiese, monumenti e chiostri.
Tra i più importanti a Bologna, nella Piazza Maggiore e del Nettuno, il cortile di Palazzo d’Accursio ove ha restaurato anche i portoni lignei e il Salone d’Ercole al primo piano, il portale dove siede Papa Gregorio XXII, Palazzo del Podestà, Palazzo Re Enzo, la Fontana del Nettuno e tutto il paramento murario del Comune in via Ugo Bassi. Inoltre il chiostro di Palazzo Malvezzi dove risiede la facoltà di Giurisprudenza, l’ex convento e ex carcere di San Giovanni in monte con i suoi due chiostri ed innumerevoli saloni, stanze e scaloni decorati in arenaria e gesso. La Sagrestia della Chiesa dei Servi, la facciata della Chiesa di San Benedetto, il Chiostro della Chiesa di Santa Cristina, la facciata della Chiesa degli Alemanni oltre a diversi palazzi storici e cortili interni caratteristici di Bologna.
Si è cimentato nel restauro di metalli in genere, soprattutto il bronzo, grazie a Giovanni Morigi.

 

 Scan9201_20160401163221-13

 

Ha potuto intervenire sulla statua del Nettuno, come quella di Papa Giovanni XXIII e su monete provenienti da Ercolano. Inoltre sulla statua raffigurante il Principe di Gonzaga che uccide un fauno a Guastalla, sulle porte bronzee del Duomo di Loreto e sui due monumenti equestri di Piazza Cavalli a Piacenza.
Tutti questi interventi di restauro sono avvenuti in poco più di un decennio (1989-2001), grazie ai quali Costantino Bragalini ha fatto tesoro di tanta esperienza e consigli sugli innumerevoli interventi, meritandosi per diversi anni e in diverse aziende di restauro la qualifica di capocantiere, responsabile di tutti gli interventi eseguiti anche dai colleghi restauratori.
É stato durante l’ultimo intervento di restauro in una villa della famiglia Altan a S.Vito sul Tagliamento in Friuli, che la curiosità sull’insegnamento del mosaico lo ha attirato nella vicina Spilimbergo.
Dopo i primi anni di pratica da autodidatta, ha potuto approfondire le tecniche di posa grazie alla conoscenza di alcuni posatori specializzati del mosaico sia industriale che artistico;
Tutto questo, unito all’esperienza passata e alla manualità ed estro ereditati dal padre Angelo, rendono Costantino Bragalini un mosaicista dalle potenzialità innumerevoli.
Sicuramente da non dimenticare l’esperienza biennale presso decoratori nel 2010-2011.

 

Scan9201_20160401163221-11

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva